E.M.D.R

 

Nata venticinque anni fa l’EMDR è un’efficace tecnica di psicoterapia  utilizzata in casi di trauma di diversa natura. Un abuso,  carenza d’affetto, una violenza, una delusione, un incidente al quale si è assistito  possono  segnare la nostra vita in maniera traumatica e causare un momento di grande sofferenza.
Spesso  chi ha vissuto questo tipo di esperienza  sente  l’influenza negativa  di quell’evento sulla propria vita e questo grava su qualsiasi possibilità di ragionamento.
La tecnica psicologica dell’EMDR è straordinariamente efficace nel modificare l’intensità delle emozioni connesse a questi ricordi, che possono essere così ricalibrati e superati nel miglior modo.
E’ un percorso che permette di elaborare in maniera naturale proprio quei ricordi che, a causa del loro grado di intensità dolorosa, restano bloccati nel nostro cervello.
L’EMDR, tecnica dei movimenti oculari spontanei,  consente l’integrazione dei ricordi, proprio come accade nella fase REM del sonno.

Come funziona l’EMDR
Vengono individuati i ricordi disturbanti su cui iniziare la rielaborazione.
Attraverso la “stimolazione bilaterale” che può essere eseguita mediante un tamburellamento delle dita sulle mani del paziente, oppure con un movimento delle dita che il paziente seguirà con gli occhi, in nostro cervello verrà stimolato in maniera alternata nei due emisferi, quello destro e quello sinistro.

L’EMDR non è un metodo d’ipnosi. 
Il paziente non subisce alcuna suggestione ma resta cosciente seguendo soltanto il suo naturale flusso di pensiero e in qualsiasi momento è libero di interrompere il trattamento.


L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto ufficialmente l’EMDR come un trattamento particolarmente efficace per la terapia di traumi psicologici e del disturbo post traumatico da stress.